Alfredo Jaar. Abbiamo amato tanto la rivoluzione

testi di Nanni Balestrini, Luigi Fassi, Claudia Gioia, Beatrice Merz
pagine: 264
formato: 14,5 x 21 cm
data di pubblicazione: novembre 2013
confezione: cartonato
lingua: italiano/ingles
isbn 9788877572578



€35,00

Il volume è pubblicato in occasione della mostra Abbiamo amato tanto la rivoluzione di Alfredo Jaar alla Fondazione Merz dal 5 novembre 2013 al 2 febbraio 2014. Riproduce la documentazione fotografica della mostra ed è arricchito dai testi della curatrice Claudia Gioia e Beatrice Merz, da una poesia di Nanni Balestrini e da un’intervista all’artista di Luigi Fassi.

“Alfredo Jaar sceglie il riflesso e la riflessione sulla storia degli anni '60 e '70. Compie un tratto di strada con Mario Merz, costruisce una quadreria chiamando al suo fianco i lavori di alcuni artisti che in questa avventura sente affini e illumina la memoria perché ci si possa rispecchiare in un ‘noi’ che si credeva non più pronunciabile.” (Claudia Gioia)

Per la Fondazione Merz Jaar ha ideato un nuovo progetto che interroga il senso della memoria e dell’impegno politico, non per commemorare, ma per tornare a promuovere la cultura come fattore di cambiamento. La mostra, composta da circa 60 opere, ha inizio con una grande installazione costituita da milioni di pezzi di vetro e specchio sul pavimento. Lo spettatore, camminando su una distesa riflettente di macerie, è invitato a ripensare ai momenti difficili della storia collettiva e allo stesso tempo compie un esercizio di conoscenza di sé.

Sfoglia alcune pagine