Cataloghi d'arte
  • Elisabetta Benassi. Voglio fare subito una mostra

    testi di Maria Centonze, Beatrice Merz, Luca Lo Pinto e Olaf Nicolai
    pagine: 96
    formato: 14,5 x 21 cm
    data di pubblicazione: novembre 2013
    confezione: cartonato
    lingua: italiano/inglese
    isbn 9788877572561



    €25,00

    Il catalogo è pubblicato in occasione della mostra Voglio fare subito una mostra di Elisabetta Benassi alla Fondazione Merz dal 15 maggio 2012 al 8 settembre 2013. La mostra, realizzata seguendo la consuetudine di far dialogare opere di artisti ospiti con quelle di Mario Merz, rappresenta la sintesi di una ricerca che Benassi porta avanti da molti anni. Il recupero della memoria delle cose, dei luoghi e delle persone che ne fruiscono è parte della ricerca dell’artista, per la quale ogni oggetto conserva in sé tracce dei suoi momenti di vita e dei legami con altri oggetti, spazi e persone; ogni elemento ha in sé la giustificazione della propria esistenza e può creare una serie infinita di relazioni con il mondo esterno. In esposizione alcuni lavori di Mario Merz realizzati tra gli anni Sessanta e Settanta e installazioni di Elisabetta Benassi realizzate appositamente per il progetto, tra le quali emerge l’opera MareoMerz, perno dell’intera mostra. Il volume riproduce la documentazione fotografica della mostra ed è arricchito dai testi di Maria Centonze, Beatrice Merz, Luca Lo Pinto e Olaf Nicolai.
  • Alfredo Jaar. Abbiamo amato tanto la rivoluzione

    testi di Nanni Balestrini, Luigi Fassi, Claudia Gioia, Beatrice Merz
    pagine: 264
    formato: 14,5 x 21 cm
    data di pubblicazione: novembre 2013
    confezione: cartonato
    lingua: italiano/ingles
    isbn 9788877572578



    €35,00

    Il volume è pubblicato in occasione della mostra Abbiamo amato tanto la rivoluzione di Alfredo Jaar alla Fondazione Merz dal 5 novembre 2013 al 2 febbraio 2014. Riproduce la documentazione fotografica della mostra ed è arricchito dai testi della curatrice Claudia Gioia e Beatrice Merz, da una poesia di Nanni Balestrini e da un’intervista all’artista di Luigi Fassi. “Alfredo Jaar sceglie il riflesso e la riflessione sulla storia degli anni '60 e '70. Compie un tratto di strada con Mario Merz, costruisce una quadreria chiamando al suo fianco i lavori di alcuni artisti che in questa avventura sente affini e illumina la memoria perché ci si possa rispecchiare in un ‘noi’ che si credeva non più pronunciabile.” (Claudia Gioia) Per la Fondazione Merz Jaar ha ideato un nuovo progetto che interroga il senso della memoria e dell’impegno politico, non per commemorare, ma per tornare a promuovere la cultura come fattore di cambiamento. La mostra, composta da circa 60 opere, ha inizio con una grande installazione costituita da milioni di pezzi di vetro e specchio sul pavimento. Lo spettatore, camminando su una distesa riflettente di macerie, è invitato a ripensare ai momenti difficili della storia collettiva e allo stesso tempo compie un esercizio di conoscenza di sé.
  • Simon Starling. The inaccessible poem

    testi di Simon Starling, Jacob Lillemose, Guillermo Faivovich, Nicolás Goldberg, Hernán Pruden, Maria Centonze
    pagine: 60
    formato: 16 x 22 cm
    data di pubblicazione: 2011
    immagini: 34
    confezione: brossura
    lingua: italiano/inglese
    isbn 9788877572530



    €35,00

    Il libro, pubblicato in occasione della mostra The Inaccessible Poem di Simon Starling alla Fondazione Merz dal 29 ottobre 2011 al 15 gennaio 2012, va oltre il concetto di catalogo per trasformarsi in una sorta di quaderno di appunti, un luogo di relazioni tra ambiti lontani e, appunto, quasi o forse inaccessibili. Nell’evento espositivo l’artista, in veste curatoriale, stabilisce un circuito di dialogo tra i soggetti che compongono la mostra, in perfetta coerenza con ciò che egli teorizza, ovvero la necessità di creare “costellazioni di idee e di fissarle in un’orbita reciproca”. La relazione tra tutti i soggetti che compongono l’allestimento riporta a ciò che Starling definisce “orchestrated collisions”: una galassia in cui possono avvenire strane alchimie, vivere anime differenti che, attraverso le proprie peculiarità, disegnano nuovi modi di condurre il gioco della conoscenza scientifica o della sperimentazione tecnologica. Il progetto espositivo coniuga infatti alcuni dei suoi lavori con le opere di Mario Merz, Sture Johannesson, James Nasmyth e James Carpenter, Faivovich & Goldberg. Il volume è accompagnato da testi di Maria Centonze, Guillermo Faivovich, Nicolas Goldberg, Jacob Lillemose, Hernan Pruden, Simon Starling.
  • Kara Walker. A negress of noteworthy talent

    testi di Olga Gambari, Luca Morena, Richard Flood, Rebecca Walker, Rebecca Harris-Perry, Jennifer Richeson, Roy Sorensen
    pagine: 207
    formato: 14,5 x 21 cm
    data di pubblicazione: settembre 2011
    immagini: 83
    confezione: cartonato
    lingua: italiano/inglese
    isbn 9788877572516



    €30,00

    Il volume raccoglie la documentazione della mostra personale che la Fondazione Merz ha dedicato a Kara Walker e a cura di Olga Gambari, dal 25 marzo al 3 luglio 2011. Il progetto che coinvolge l’artista e che il libro restituisce con un vasto apparato fotografico e di testi, è incentrato sulla memoria mitica che prende forma nel suo lavoro, una memoria in costante metamorfosi in cui la dimensione biografica si colloca in connessione con l’esperienza collettiva. Una vicenda storica come quella della nascita della comunità afroamericana negli Stati Uniti, legata a secoli di schiavitù e alla successiva difficile integrazione razziale diventa materia dalla quale Kara Walker può attingere per i suoi racconti figurativi, giocati sull’ombra, sulla sagoma. Le sue silhouette nere si muovono in una terra visionaria e metaforica, tra giorno/notte e luce/buio. Storie ferocemente realistiche, allegorie dallo humor nero rappresentate in installazioni, video, scenografie, marionette, ombre cinetiche, wall drawing, collage su vari supporti, dal muro alla tela. Ma anche disegni, tempere, miniature e grandi dimensioni per racconti dinamici che aleggiano in una dimensione in cui il grottesco sfiora il dramma. Le storie di Kara Walker diventano mito, fiaba e pur avendo radici precise, assurgono a narrazioni universali.
  • Mario Merz. Corteo della pittura/Pageantry of painting

    testo di Rudi Fuchs
    pagine: 96
    formato: 10 X 15,3 cm
    data di pubblicazione: marzo 2011
    immagini: 38 col.
    confezione: cartonato con USB key inclusa
    lingue: italiano/inglese
    isbn 9788877572486



    €26,00

    Il libro documenta la mostra Mario Merz. Corteo della pittura tenutasi presso la Fondazione Merz di Torino dal 12 maggio al 14 novembre 2010. In mostra diciotto grandi dipinti, selezionati da Rudi Fuchs, realizzati tra il 1974 e il 1988, e provenienti sia da importanti musei europei sia da collezioni private. In alcuni casi, non sono stati esposti al pubblico per molti anni. Tra le opere esposte due igloo dipinti, Casa del giardiniere, Igloo (Tenda di Gheddafi) e Mario Merz. Rudi Fuchs, curatore della mostra, così descrive la visione all'origine della sua idea di esposizione: "Ricordo fin dall'infanzia certi cortei cerimoniali di corporazioni in cui i membri portavano grandi stendardi con figure araldiche dai colori forti. Marciavano in corteo verso la piazza della città, dove si tenevano gare di abili sbandieratori, in grado di far sventolare quei drappi con evoluzioni spettacolari. Ogni volta che vedo i grandi dipinti di Mario, ricordo quelle rievocazioni festive - e voglio presentare una mostra di circa venti di quelle immagini, simili a striscioni in uno spettacolo teatrale, per restituire loro il loro particolare splendore. L'idea è davvero quella di un colorato, sfarzoso spettacolo.” Il cofanetto include, oltre al libro, una chiavetta USB con un video girato durante la mostra e un'intervista al curatore.
  • De Serio. No fire zone

    testo Francesco Bernardelli
    pagine: 120
    formato: 14,5 x 21 cm
    data di pubblicazione: dicembre 2010
    immagini: 59 col.
    confezione: cartonato
    lingua: italiano/inglese
    isbn 9788877572493



    €30,00

    Il catalogo documenta la mostra No fire zone di Gianluca e Massimiliano De Serio allestita alla Fondazione Merz dal 10 marzo al 18 aprile 2010. I registi torinesi sono stati invitati a fornire testimonianza dell’evento conclusivo della grande mostra di Wolfgang Laib: il rito del fuoco induista (mahayagna) officiato da quarantacinque bramini provenienti dalla regione indiana del Tamil Nadu. Iniziando una riflessione più ampia sulle condizioni dell’etnia del popolo Tamil (a cui gli stessi bramini appartengono), i due artisti mettono in moto una ricognizione mentale e materiale fra tutta una serie di altre figure (gli emigrati Tamil) che si sono trovate a vivere in relazione e conseguenza dei disastri prodotti dall’ultraventennale guerra civile che ha dilaniato lo Sri Lanka. Nel progetto artistico sviluppato in quei mesi, i De Serio optano per un allargamento del quadro di riferimento; partendo dall’atmosfera assorta e raccolta delle particolari giornate rituali presso la Fondazione Merz lo sguardo degli artisti alza l’attenzione verso altri cittadini Tamil dispersi nel mondo e approda a quei destini segnati dall’esperienza dell’esilio e della diaspora internazionale.     Gianluca e Massimiliano De Serio sono nati a Torino nel 1978. Massimiliano è laureato in Storia e critica d’Arte, Gianluca in Storia e critica del Cinema. Lavorano insieme dal 2000 e negli anni hanno prodotto vari film tra i quali: Zakaria, My Brother Yang, Maria Jesus. I loro lavori sono stati selezionati per vari festival cinematografici: Oberhausen Film Festival, Edimburgh Film Festival, Torino Film Festival, Rotterdam Film Festival. Hanno partecipato a mostre collettive presso istituzioni pubbliche e private: Galleria Comunale d’Arte Contemporanea (Monfalcone), Galleria Civica di Arte Contemporanea (Trento), Maison Rouge (Paris), Centre d’Art Nei Liicht (Dudelange, Luxembourg), Participant Inc. (New York), Annet Genlink Gallery (Amsterdam), MAXXI (Roma).